Sulla distruzione del mobilettibus demmerda.

Da “i dialoghi di Stailuan alla Madre
Sulla distruzione del mobilettibus demmerda.
In quei giorni Stailuan si recò al Tempio e si mise a distruggere un mobiletto#demmerda che da tempo agonizzava in prossimità del suo tapis roulant.
Mentre un’anta del sudetto bozzava la tibia del sommo, mater intervenne contestando lo smantellamento dell’aborto mobilesco da parte del saggio.

Così (circa) rispose il mastro falegname:
Il mobiletto è brutto, storto e nondimeno apparteneva a una mia ex.
Fu comprato per pochi euri all’emisfero e non merita nemmeno di essere considerato un mobiletto.
Non rispettava neanche lontanamente alcun canone che potesse avvicinarlo al design.
Conteneva unicamente oggetti brutti, storti e inutili che sono già stati smantellati e collocati nella differenziata o (in pochi) salvati e inseriti in altri mobiletti #demmerda (che saranno prossimamente smantellati ndr.).
Il mobiletto verrà inoltre ulteriormente smantellato e arso in inverno per alimentare la stufa dell’ufficio di stailuan e, come una fenice, risorgerà dal suo essere mobiletto #demmerda a energia positiva.
Così parlò Stailuan.
Ciao vecchio mobile brutto e storto: insegna agli angeli ad andare all’ikea *__*
<3

2 Comments

Tizi
Febbraio 6, 2018 7:23 pm

ma quanto mi fai ridere! 😀

stailuan
Febbraio 7, 2018 9:53 am

cavolo, è un post millenario questo che hai commentato 🙂

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.