RdM: uno dei primi hashtag di CBIB

#RdM è senza grossi dubbi uno dei primi hashtag utilizzati ne “La Situa” di Cose Brutte Impaginate Belle.

La Situa” è nata con l’inizio del lockdown in Italia, misura eccezionale contenitiva del numero dei contagi da Covid-19, e in quell’occasione chiesi ai miei follower come stessero in questa situazione che ci lasciava tutti particolarmente spiazzati e un poco privi di certezze verso il futuro (sì, più del solito insomma). Ne nacque questo appuntamento quotidiano strampalato che unì sempre più persone e che è continuato anche dopo la fine delle misure contenitivo, ironizzando sui disagi della vita di una community sempre più ampia.

Ma, restando nello specifico, ne “La Situa” (che per semplicità chiameremo quella “originale“, cioè quella nella quale si narrarono i disagi inerenti al lockdown) si svilupparono delle tematiche ben precise e assolutamente specifiche, dovute a quell’incredibile lasso di tempo nel quale la quotidianità di (quasi) tutti noi venne totalmente stravolta. Si viveva chiusi in casa, alcuni in condizioni allucinanti tra appartamenti piccolissimi, condivisioni degli spazi con coinquilini, canti sui balconi alle 18 e arcobaleni #andràtuttobene. In questo caos incredibile, scandito dalle apparizioni repentine di Conte e dal “bollettino di guerra” della Protezione Civile, si inserì l’appuntamento de La Situa, che narrava cose più terra-terra e ilari, che aiutava a tenere alto il morale nel disagio del tempo che passava inesorabilmente sempre più piano, con giornate tutte uguali.

Gli italiani (o meglio, quelli che erano assunti da attività lavorative non necessarie e quindi chiuse) iniziarono a spendere la giornata guardando la televisione, usare attrezzi sportivi fermi da tempo immemore negli sgabuzzini e a cucinare. Soprattutto a cucinare. Impastavano e cuocevano pane e pizza a ciclo continuo e infatti quasi subito il lievito finì, e subito dopo iniziarono a finire gli elettrodomestici.

Iniziarono a finire” nel senso che iniziarono a rompersi a ciclo continuo: lavatrici, lavastoviglie, forni, asciugacapelli, televisioni… stressati dal sovrautilizzo e forse accelerandone la fine del ciclo vitale, dalle case si segnalava continuamente la rottura di qualcosa. A questo fenomeno diedi così un nome e un hashtag: era la Rivolta delle Macchine, nota come #RdM.
Rivolta” perché nel momento del bisogno, le macchine anziché eseguire silentemente gli ordini, decisero di rifiutarsi, rompendosi, e quindi di fatto non svolgendo il loro compito, lasciando così ancora più soli gli italiani chiusi in casa.


ASCOLTA IL PODCAST!

Di “RdM – La Rivolta delle Macchine” si parla anche ne “L’Audio Situa” il podcast ufficiale di Cose Brutte Impaginate Belle, realizzato da me medesimo con Francesco Martinelli in veste di intervistatore.
Ascolta la puntata, cliccando qui.


L’illustrazione.

L’illustrazione de “La Rivolta delle Macchine” è realizzata da Andrea Antoni per il libro “La Situa da Colorare“, il primo libro da colorare di CBIB.
Coloralo anche tu, assieme alle altre illustrazioni, che troverai in questo volume che è una sorta di guida, o glossario, illustrato de “La Situa“.
Attenzione: non lo troverai in libreria, ma solo dallo shop su questo sito, cliccando qui.

Tags:
cbib la situa