Progetto: Dreams On The Wall

Ho avuto il piacere di essere uno degli artisti che hanno aderito a “Dreams On The Wall“, progetto di riqualificazione urbana e cittadinanza attiva che ha coinvolto cinque municipalità della Bassa friulana.

Dopo un percorso di coinvolgimento, ascolto e partecipazione con un gruppo di lavoro composto dai ragazzi del Centro di aggregazione giovanile “Le Stanzute”, gestito dalla Cooperativa sociale Itaca, ho realizzato una delle mie opere presso il sottopassaggio di via Circonvallazione a Muzzana del Turgnano.



Il Comune di Muzzana del Turgnano ha aderito (assieme a quelli di Torviscosa, Porpetto, Carlino e Marano Lagunare) a questo interessante progetto, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che punta alla riqualificazione urbana mediante la realizzazione di graffiti. Dopo un percorso di formazione dedicato ai ragazzi dei vari Comuni (ho tenuto io stesso una lezione, sul tema di “Instagram e la street art“), i ragazzi di hanno imparato a utilizzare strumenti con i quali individuare e geo-localizzare alcuni luoghi del territorio, condividendoli con la cittadinanza grazie a una mappa online.


I luoghi individuati sono stati inseriti in un sondaggio web e tutti i cittadini di esprimere una preferenza.
Per il mio intervento è stata scelta la bellissima location del sottopassaggio pedonale e appositamente per queste pareti è stata realizzata una bozza condivisa con l’Amministrazione comunale e il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Muzzana, nonché con l’ufficio tecnico comunale.



L’opera è stata elaborata tenendo conto di vari fattori quali l’impatto che potesse avere con un Comune che avrebbe ospitato per la prima volta nella sua storia un graffito, si integrasse e non sovrastasse la struttura e contenesse tematiche care ai cittadini, senza stravolgere il mio studio e stile personale.


Il graffito realizzato vede quindi due nastri che si intersecano nello spazio e che richiamano la terra e la natura del territorio circostante, che vengono sovrastato da alcuni elementi urbani di Muzzana (municipio, chiesa e campanile). Per rendere meno opprimente il tutto, e giocare un poco attorno a effetti ottici, è stato pensato uno sfondo nero non pieno ma suddiviso in quattro riquadri, nei quali i nastri entrano ed escondo rendendo il tutto dinamico e non banale.