Dove: Bologna
Quando: 30 gennaio 2014

Dopo la splendida esperienza del Art & Coffee BloggerDay di Verona sono stato chiamato anche per poter visitare, assieme ad altri blogger ed instagramers, una nuova mostra curata da Marco Goldin: “LA RAGAZZA CON L’ORECCHINO DI PERLA – Il mito della Golden Age da Vermeer a Rembrandt. Capolavori dal Mauritshuis, The Hague”

La ragazza con l’orecchino di perla di Jan Vermeer, insieme alla Gioconda di Leonardo e L’urlo di Munch, è unanimemente riconosciuta come una delle tre opere d’arte più note, amate e riprodotte al mondo.
Segafredo Zanetti ha voluto essere il main sponsor di una esposizione che presenta questo capolavoro a Bologna come unica sede europea, prima del definitivo ritorno del celebre dipinto al suo museo rinnovato, da cui non uscirà mai più essendone l’opera simbolo.

La ragazza con l’orecchino di perla è infatti la star indiscussa di una raffinatissima mostra sulla Golden Age della pittura olandese, possibile grazie alla temporanea chiusura per lavori di restauro del Mauritshuis di L’Aia, scrigno di opere somme da Vermeer fino a Rembrandt: lo strepitoso nucleo composto da una quarantina di opere della collezione del museo olandese è stato eccezionalmente concesso ad alcune sedi internazionali di assoluto prestigio mondiale in Giappone (a Tokyo e Kobe), negli Stati Uniti (San Francisco, Atlanta, New York) e per l’appunto Bologna. La ragazza con l’orecchino di perla evoca bellezza e mistero, e il suo volto da cinque secoli continua a stregare coloro che hanno l’emozione di poterlo ammirare dal vero o scoprirlo attraverso i romanzi e il film di cui la ragazza dal copricapo color del cielo è diventata, forse suo malgrado, protagonista.


Alcune delle mie foto





Post

Il mio post, scritto con tono ironico, pubblicato su Pensieri & Caffelatte.